Filtrare contenuti per bambini

Oggi, filtrare la fuizione dei contenuti per i più piccoli, è qualcosa di veramente importante.

Ci sono keywords specifiche per questa attività:
peerguardian,
parental control,
filtrare contenuti per bambini.

I media sono diversi ma i più importanti sui quali si può agire direttamente sono due, la TV e INTERNET.

Se per la TV, con la nostra presenza e precise istruzioni su quando i nostri bambini possono vederla oppure l’utilizzo di canali dedicati o di DVD, la cosa è relativamente controllabile.

Pe quel che riguarda internet, invece, ci sono dei programmi e delle procedure specifiche che consentono di limitare l’accesso a determinati contenuti. Ovviamente questo solo nel computer di casa.

Di seguito una lista di programmi che servono a tale scopo, e  la lista sottoriportata è collegata al sito “programmi gratis computer blog”:

NAOMI
Tra i più utilizzati e conosciuti software per proteggere la navigazione dei nostri figli.
PICBLOCK
Utile a bloccare siti con contenuti vietati e a creare un riepilogo di tutti i siti visitati.
PGSURFER
Una specia di barra di navigazione per il controllo attento dei portali da visitare.
PARENTAL FILTER
Semplice ed efficace anche se meno rispetto ad altri.
K9 WEB PROTECTION
Uno dei migliori. Lo installo frequentemente quando faccio assistenza per genitori che voglio tenere sotto controllo i loro bambini.
MCGRUFF SAFEGUARD
Non molto efficace ma potrebbe essere installato insieme ad uno più potente per proteggere al meglio.
PARENTAL CONTROL BAR
Anche questa è una barra di protezione da installare nel browser per il controllo della navigazione.

Io vi consiglio di leggere un pò tutte le recensioni di questi software che, ricordo, sono gratuiti per uso personale. Potete tentare di installare anche più d’uno, poichè ogni programma ha caratteristiche particolari. Se proprio devo consigliarvi, allora K9 WEB PROTECTION è tra i migliori software di protezione bambini del 2010. Un pò complesso da utilizzare ma potete veramente bloccare di tutto. Non solo siti con contenuti per adulti ma anche siti che parlano di droghe, di razzismo, di violenza in generale. Ma anche siti come YOUTUBE.
Dunque, preciso una cosa. Questi programmi vengono scaricati ed installati, quindi, ai nostri bambini o ragazzi non deve essere detto che abbiamo installato queste applicazioni perchè basterebbe andare dal pannello di controllo, far partire la funzione “installazione applicazioni” di WINDOWS per disinstallare il programma. Un ragazzo potrebbe capire l’applicazione in uso e cancellarla.
Questi software sono particolarmente adatti a bambini al di sotto di 10 anni. Per i più grandicelli che sanno “smanettare” sul PC, dobbiamo applicare altre protezioni. Come fare quindi a bloccare siti internet a bambini furbetti ? Seguitemi nel prossimo post perchè vi descriverò come impedire l’accesso a siti proibiti in maniera diversa :
Iscrivetevi al mio FEED RSS o alla mia NEWSLETTER e rimarrete sempre aggiornati in tempo reale sugli articoli più recenti scritti nel mio blog.
Ciao e a presto da Programmi gratis per Pc.

La Storia di Natasha: progetto Chernobyl spiegato ai bambini

Vi abbiamo già parlato del “Progetto Chernobyl di Arzignano”, tra i progetti Chernobyl che ospita il maggior numero di bambini in Italia.

Oggi vogliamo darvi la possibilità di spiegarlo in modo semplice e comprensibile ai bambini così da far loro comprendere quanto importante sia l’ospitalità e l’aiuto a chi vive in un luogo che è ancora oggi contaminato da radiazioni.

CLICCATE SULLA FOTO per aprire il PDF della favola!

Se siete interessati a partecipare al progetto Chernobyl di Arzignano, nel PDF troverete tutti gli estermi.
E’ una bella iniziativa che consente alle famiglie con figli e senza, di imparare molto.

———————————————–
Se volete donare il 5×1000 all’associazione:

AIUTIAMO INSIEME I BAMBINI DI CHERNOBYL
DONA il tuo cinque per mille in favore del
Progetto Chernobyl
C.F. 90003880243
———————————————–

Per compilare correttamente il 5 x 1000, basta apporre la tua firma sotto alla riga: “Sostegno del volontariato, delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale, delle associazioni e fondazioni” presente sulla scheda per la destinazione del cinque per mille dell’Irpef.
Quindi trascrivi il codice fiscale della Fondazione Progetto Chernobyl Arzignano che è il seguente: 90003880243.
GRAZIE! PER IL PROSEGUIMENTO DEL PROGETTO, E’ MOLTO IMPORTANTE IL TUO CONTRIBUTO

Leggi di più:
http://www.800fiabe.it/2013/02/04/porta-il-sole-ad-un-bambino-progetto-chernobyl-o-n-l-u-s/#ixzz3XvpRQQxB

LE FORBICI TRISTI, fiaba scritta da Alba

Alba, continua a deliziarci inviadoci le sue fiabe.
Eccone un’altra che parla di “forbici”, una storia dal lieto fine che vi piacerà sicuramente.

———————————-
LE FORBICI TRISTI
———————————-

Nella vetrina del negozio di ferramenta le forbici appena esposte dal signor Dario risaltavano per la loro brillantezza.
Erano appena arrivate dalla fabbrica e se ne stavano composte nella loro custodia trasparente, in attesa di essere acquistate.
E questo avvenne qualche giorno dopo. Un signore distinto molto elegante nel suo abito blu, entrò nel negozio e dopo una lunga ed attenta ricerca, scelse proprio loro: “Quelle lì, al centro della vetrina!”.

Dopo un breve viaggio nel buio di un sacchetto di plastica, le forbici si trovarono appoggiate su un tavolo, e da lì si guardarono intorno per vedere dove erano capitate. A sinistra c’erano delle stoffe molto belle e guarnizioni colorate, a destra spilli e vari rocchetti di filo.

Una sartoria! La sua vita sarebbe trascorsa (sperava felicemente) tra vestiti e cose belle, sfilate, riflettori e tanta notorietà!
Ma dopo un po’ di tempo le sue giornate divennero pesanti. Si rese conto che le sue speranze non erano altro che illusioni, anzi….: doveva sempre stare attenta quando tagliava, a non andare oltre il segno del gesso sulla stoffa, altrimenti quante sgridate!

E poi nessuno rideva, tutti a testa bassa a cucire, sempre in ritardo con le consegne, mentre il paio di forbici avrebbe voluto vivere in un ambiente allegro e sereno. Ed a poco a poco, giorno dopo giorno, divenne triste, opaca e non lavorava più volentieri.

Un giorno si ritrovò di nuovo al buio di un sacchetto e dopo un viaggio di qualche ora fu appoggiata su un tavolo che non conosceva; vide accanto a sé tanti oggetti che non aveva mai visto: un telefono, un computer, fogli di carta e tanto, tanto disordine.
Forse finalmente la sua vita avrebbe avuto quella svolta che desiderava da tanto tempo

Ma anche questo suo nuovo impiego non si rivelò felice come sperava. Ora il suo lavoro si svolgeva in una redazione di giornale, ma anche qui quanto caos, tutti sempre affannati fino all’ultimo minuto, quando gli articoli di cronaca passavano alle rotative per essere stampati, e quante volte si ritrovava soffocata dalle carte. Senza contare quando veniva gettata a terra con rabbia dal suo nevrotico proprietario!

E poi la cronaca era così triste! Quasi tutti gli articoli parlavano di guerra, lutti, disgrazie… e il paio di forbici si intristì ancora di più e non aveva proprio più voglia di lavorare.

Quando si trovò di nuovo in un sacchetto sperò che questa sarebbe stata la volta buona.
Brr… che freddo su questo nuovo tavolo! Ma dove era capitata?
Intorno a lei tutto marmo, bianco e freddo: una macelleria.

E cosa poteva servire lei in una macelleria? Il suo lavoro infatti era di poco conto: serviva a tagliare lo spago con cui il macellaio legava i pezzi di carne.
Non era un gran lavoro, e buona parte del tempo se ne stava in un angolo del bancone. Ma anche questo posto non le piaceva, a parte il freddo che sentiva ed a cui non era abituata, lei era solare, sensibile, piena di vitalità e di gaiezza e l‘ambiente in cui doveva stare la faceva star male e a poco a poco ebbe voglia di morire.

Lavorò nella macelleria per un po’ di tempo, finché un giorno fu riposta in un cassetto e lì dimenticata.
Passò molto tempo nell’oblio di quel cassetto, poi ad un tratto una luce accecante e delle morbide manine che la prendevano: “Mamma, posso usare queste forbici?”

La mamma controllò lo stato delle lame e si accorse che nel corso degli anni le punte si erano smussate e il taglio, prima affilato e pericoloso, non era più rischioso per un bambino, quindi acconsentì a quanto richiesto dal piccolo.
E finalmente le forbici trovarono la loro felicità tra pupazzi e giochi, ritagliando figure colorate che il bimbo poi componeva in divertenti collages.
Tornò loro la voglia di vivere e ritrovarono tutta la lucentezza di quando, tanti anni prima, il signor Dario le aveva poste al centro della vetrina.

Alba Barbarotto, è una signora molto impegnata socialmente che ha vari interessi e vive a Rignano Flaminio, in provincia di Roma.

Educare allo scambio, è importante: MERCATINO DEL BARATTO

I bambini e anche i ragazzi delle scuole della zona di Arzignano, in provincia di Vicenza, possono portare in piazza i loro oggetti da barattare in occasione del MERCATINO DEL BARATTO che si terrà
Domenica prossima 29 Marzo dalle 15,00 alle 18,00

E’ un modo molto intelligente per rispettare l’ambiente ed educare i ragazzi a salvaguardare le risorse e l’energia.

La circolarità degli oggetti usati e il riciclo, limitano gli sprechi e rendono onore al lavoro umano.
Ci sono oggetti che possono tranquillamente passare di mano in mano quando non ci servono più e magari, in questo modo, diamo loro la possibilità di “rivivere” una seconda vita con qualcuno che ne ha ancora bisogno.

Vi ricordiamo che LA PARTECIPAZIONE E’ GRATUITA.

PASSATE PAROLA,
SI TRATTA DI UNA BELLISSMA INIZIATIVA!

Auguri di Buon Compleanno Gatto Silvestro!

“Mi è semblato di vedere un gatto nelo che corre di qua e di là”…

Chi sarà?

E’ proprio lui, il gatto nero più famoso del mondo, il GATTO SILVESTRO che proprio oggi compie la bellezza di 70 anni!

Sikvestro, nacque il 24 Marzo del 1945 e, da allora, è a caccia di uccellini senza riuscire mai a prenderne nemmeno uno… per fortuna!

In fondo noi ne siamo contenti, vero?

Caro Silvestro, amico d’infanzia di mamma e papà e anche nostro, noi insieme a 800fiabe.it vogliamo farti un augurio specialissimo perchè te lo merita per farci divertire !

GRAZIE! e BUON COMPLEANNO GATTO SILVESTRO!

Il BULLISMO si può sconfiggere!

Gli episodi di #BULLISMO BULLISMO, purtroppo, sono sempre più frequenti e le vittime sempre più fragili.

Viene colpita la loro autostima e non ci si può minimamente immaginare di quali tragiche conseguenze questi atti possono produrre su chi ne è colpito.

L’invito che possiamo fare a chi subisce continuativamente questi soprusi, è quello di NON ISOLARSI ma di rivolgersi a qualche adulto di cui hanno fiducia, un genitore, un amico oppure a qualche ente esterno in grado di sostenerlo e consigliarlo.

A tale proposito, Vi segnaliamo questa pagina di TELEFONO AZZURRO nel quale sia genitori che vittime del BULLISMO, potranno trovare le risposte che cercano.

Non dimenticatelo: IL BULLISMO SI PUO’ SCONFIGGERE!



TELEFONO AZZURRO – Il Bullismo in 5 domande


eBook gratis Lavoretti Pasqua

E’ tempo di Pasqua ed è tempo di lavoretti.
Gli spunti che si possono trovare in rete sono moltissimi e davvero interessanti.
A tale proposito voglio segnalarvi un bellissimo eBook illustrato che ho trovato e nel quale non si fa nessuna menzione dell’Autore.

Così ve lo riporto per consentirvi di avere degli spunti sui LAVORETTI DI PASQUA da realizzare a casa.
Troverete modelli di biglietti di auguri pasquali, pulcini, coccinelle e uova…

Date un’occhiata e se conoscete chi ha creato questo bellissimo opuscolo scaricabile, segnalatecelo che lo menzioniamo per dare valore al lavoro svolto.

Ecco il [Link al PDF] eBook “La Pasqua lavoretti”

Ho incontrato PINOCCHIO tra le strade di Firenze

Viaggiando tra le strade di Firenze, mi sono imbattuta in un negozio magico.
Entri e assapori l’odore gentile e rassicurante del LEGNO, la fragranza che emana.
Ti immergi in un mondo fantastico pieno di colore e forme amiche.

Si tratta di BARTOLUCCI, una bottega dove troverai PINOCCHIO ad accoglierti sulla porta, e tante idee regalo o da collezione, in legno colorato.
Tutto è fatto di legno! Il negoziante mi ah rassicurata che vengono usati legni certificati e vernici conformi agli standard di qualità e questo è importante. Ogni pezzo, inoltre, è rigorosamente Made in Italy!

Il negozio di cui vi sto parlando si trova a Firenze ma cerca nel sito laquello più vicino a te.
Visitalo appena ne avrai l’occasione, ne varrà la pena.




BARTOLUCCI, la bottega del legno a Firenze

Comunicato Stampa “Tecnologie digitali e bambini: indicazioni per un utilizzo consapevole”

“Un gruppo multidisciplinare di esperti coordinati dal Centro per la Salute del Bambino ha messo a punto il documento “Tecnologie digitali e bambini: indicazioni per un utilizzo consapevole“ per sottolineare come non si tratti di ostacolare l’avvicinamento di bambini e ragazzi alle nuove tecnologie, quanto piuttosto di guidarli verso un uso corretto e consapevole, a partire dai primissimi anni di vita, periodo durante il quale si definiscono architetture celebrali e relative competenze e abitudini.

L’ambiente familiare è il luogo in cui avviene il primo contatto con le nuove tecnologie ed è quindi di fondamentale importanza la partecipazione educativa e attiva dei genitori all’esperienza digitale dei bambini.

Intervenire precocemente costituisce così un’importante e vincente strategia preventiva, che consente di cogliere le opportunità offerte dalle nuove tecnologie e minimizzarne i rischi per la salute fisica e mentale di bambini e ragazzi.”

——————————————–
Links:
COMUNICATO STAMPA del lancio del documento.
Link all’INSERTO completo.
——————————————–

(FONTE: Centro per la Salute del Bambino – ONLUS
Segreteria Nazionale Nati per Leggere e Nati per la Musica)

Dentosofia, parliamone

“Mettere la bocca in condizione di riprendere la posizione di equilibrio”, questo l’obiettivo dei dentisti dentosofi.

Il mezzo per ottenere tutto questo è una specie di plantare per la bocca che lavorando sul riequilibrio, attiva una sorta di autocura.

La mancata cura dei denti ha ripercussioni in molte altre patologie e risulta davvero importante operare una corretta igiene orala quotidiana. Inoltre non sottovalutiamo che queste patologie raccontano molto di più dell’individuo, le sue tensioni e le sue paure.

Se volete saperne di più, leggete questo articolo dove troverete anche una approfondita lista di letteratura sul tema.

 

Esiste anche una Associazione Italiana Dentosofia

 

 

 

E, per completare il tutto, a questo link troverete un PDF che descrive bene cosa è la DENTOSOFIA.